. GIOCOSENZATRUCCO: LE MEDUSE PIU' URTICANTI CHE SI TROVANO NEL MEDITERRANEO

domenica 10 luglio 2011

LE MEDUSE PIU' URTICANTI CHE SI TROVANO NEL MEDITERRANEO


Carybdea marsupialis
Urticante

Carybdea marsupialis è un cubozoo, come le meduse mortali per l’uomo che abitano lungo le coste australiane. Fortunatamente il suo non è un veleno mortale: le sue punture sono molto dolorose, ma gli intensi effetti sono brevi.

Habitat
Presente nelle aree più settentrionali dei mari italiani, sempre più frequente lungo le nostre coste. Carybdea è attratta dalla luce e si avvicina alla costa durante la notte

Come riconoscerla
Molto piccola, trasparente, con l’ombrello cubico che misura dai 4 ai 5 cm circa, è armata da 4 lunghi tentacoli. Nuota in modo molto vigoroso e si sposta facilmente. Come Pelagia è tipicamente mediterranea e tra le meduse più urticanti dei nostri mari. 


Cassiopea andromeda
Urticante

Non è pericolosissima, ma è meglio non toccarla perché produce muco nel quale sono presenti le cellule urticanti, e se si entra in contatto con quest'ultimo, si possono avere irritazioni.

Habitat
Entrata in Mediterraneo dal Canale di Suez, sta risalendolungo le coste turche. All’inizio del 2010 è stata segnalata a Malta, e quindi è arrivata alle porte di casa nostra. Di solito si trova su fondi sabbiosi, ma può essere presente anche su quelli rocciosi.

Come riconoscerla
Piccola, massimo 30 cm, sta posata sul fondo marino. L'ombrello è rivolto verso il basso, mentre bocca e tentacoli verso l’alto: per questo Cassiopea viene chiamata in inglese "medusa al contrario". Sta rivolta verso l’alto perché possiede alghe unicellulari come quelle dei coralli delle formazioni coralline che vivono in simbiosi con la medusa e che quest'ultima deve esporre alla luce che filtra nell'acqua.





Drymonema dalmatinum
Molto urticante

Fortemente urticante e pericolosa dato le sue grandi dimesioni.

Habitat
Heckel, un grande naturalista tedesco, la descrisse per la prima volta nel 1880: una grande medusa nelle coste della Dalmazia, in Adriatico, e la chiamò Drymonema dalmatinum. Per molti anni quella descrizione fu l'unica testimonianza della esistenza di questa specie, ma nel 1940 un altro ricercatore (Stiasny) la ritrovò, sempre sulle coste orientali dell'Adriatico. Poi più nulla, per decenni. Fino a quando Drymonema non diventò un flagello, per qualche tempo, lungo le coste di Puerto Rico. Ora è riapparsa lungo le coste croate e quindi potrebbe facilmente arrivare in acque italiane.

Come riconoscerla
Drymonema è una specie molto rara, molto simile alla medusa più grande del mondo, la Cyanea capillata dei mari nordici che raggiunge anche i 2 metri. Anche Drymonema è di notevoli dimensioni: può arrivare fino a 1 metro di diametro ed è la più grande medusa del Mediterraneo.
Come è possibile che un animale così grande possa passare inosservato per decenni? Probabilmente trascorre questi lunghi periodi sul fondo del mare, in forma di piccoli polipi attaccati alle rocce. I polipi possono vivere (come piccoli coralli) per decenni e poi, all'improvviso, produrre meduse. A volte poche, quel tanto che basta per formare nuovi polipi con i processi riproduttivi. Ma se le condizioni diventano favorevoli, le meduse possono diventare miliardi.



Physalia phisalis
Urticante

Chi viene colpito raramente vede l’animale, sente solo una fortissima scarica. In alcuni casi, l’incontro con Physalia può essere fatale. L’estate scorsa, alcuni bagnanti colpiti da Physalia sulle nostre coste sono stati ricoverati in ospedale.

Habitat
Physalia, pur essendo stata segnalata anche in passato, non si incontra di frequente. Nel 2009, però, ha colpito diverse volte nel Mediterraneo Occidentale, in Corsica, in Liguria e lungo le coste della Toscana. Gli esemplari di Physalia (detta anche Caravella portoghese) non vivono in sospensione nell’acqua, ma galleggiano sulla superficie del mare. Inoltre non sono individui singoli, come le meduse, ma sono colonie.

Scheda
Physalia non è propriamente una medusa, ma una colonia di forme polipoidi e medusoidi che coesistono.
Una grande vescica piena di gas, detta pneumatofora, fa galleggiare la colonia composta da polipi dotati di bocca, che ingeriscono le prede, e polipi armati di cnidocisti dotate di un potentissimo veleno, molto efficace anche nei nostri confronti. La pneumatofora di Physalia può misurare 15 centimetri, ma i tentacoli possono raggiungere anche i 20 o 30 metri, se completamente estesi.