. GIOCOSENZATRUCCO: IL VICE PREMIER INGLESE CLEGG ATTACCA CAMERON : CI ISOLA DALL'EUROPA.

domenica 11 dicembre 2011

IL VICE PREMIER INGLESE CLEGG ATTACCA CAMERON : CI ISOLA DALL'EUROPA.






LONDRA – Si fa presto a dire la City di Londra. Il distretto finanziario più potente del mondo, infatti, non è un quartiere come tanti, tipo Trastevere, Chelsea o Manhattan. No. Quando si attraversano i suoi confini, ben segnalati dal ring of steel, quella serie di “casematte” tirate su negli anni ’70 per tenere a bada i terroristi dell’Ira, si entra in un mondo a sé stante, governato da regole antichissime e arcane. E non è un modo di dire.
La City di Londra è infatti un’autorità municipale autonoma che affonda le radici nel sistema delle gilde medioevali. Praticamente uno Stato nello Stato: il Vaticano della finanza globale. Un regno quasi-segreto e misterioso governato da tempi immemorabili – almeno dal 1067 – dalla City of London Corporation. Un ente che gode di un potere molto concreto. La Corporazione - tra le varie cose - la sua polizia, le sue guardie d’onore e il suo Parlamento (la Gildhall), dove si riuniscono gli Sceriffi e gli Aldermen (letteralmente: gli uomini anziani). Ovvero le istituzioni che realmente comandano all’interno della City. Uno su tutti il Lord Mayor, il sindaco della City of London. Che non va confuso con il primo cittadino della capitale – attualmente Boris Johnson. È il campione della City of London Corporation e resta in carica per 12 mesi soltanto, come i consoli dell’antica Roma. Il suo ruolo, oltre che guidare la City nella sua accezione di autorità municipale, è quello di “ascoltare i business della City” e “consigliare” al governo in carica “cosa c’è bisogno di fare per aiutare i servizi finanziari a funzionare al meglio”. Il Lord Mayor – David Wootton, appena eletto – nelle visite all’estero (almeno tre mesi del suo mandato annuale) gode del rango di ministro e risiede nella Mansion House, di fronte alla Banca d’Inghilterra.
 

 

Oltre a Clegg, due ministri affermano che il Paese "è in una cattiva posizione", e il risultato di Bruxelles è stato "deludente". Lo scrive il Telegraph. "Non critico il premier, la nostra politica è stata una decisione collettiva. Siamo finiti in una cattiva posizione", ha detto il ministro delle attività produttive, il lib-dem Vince Cable. "E' un deludente, sorprendente risultato", ha detto il ministro della Giustizia, Ken Clarke.

Nessun commento:

Posta un commento

Tutti i commenti saranno verificati affinche' non contengano parole lesive alla dignita' di altri. I commenti non saranno censurati mai.
ATTENZIONE:
NON INSERITE LINK VERSO SITI PORNOGRAFICI, NON SARANNO PUBBLICATI.
NEVER INSERT LINK TO PORN SITES WILL NOT BE PUBLISHED.