. GIOCOSENZATRUCCO: DIFFIDENZA VERSO I FARMACI GENERICI.

venerdì 17 agosto 2012

DIFFIDENZA VERSO I FARMACI GENERICI.

Genova - La preoccupazione serpeggia va già da giorni tra i pazienti delle farmacie genovesi. Un timore diffuso, arrivato ancora prima della norma (in vigore da ieri) che obbliga i medici a indicare, nelle ricette, la sostanza-base delle medicine anziché il nome di uno specifico prodotto. «Dottore, ma lo dovrò prendere per forza il farmaco generico?» è la domanda che i farmacisti si sono sentiti rivolgere spesso in questi giorni dai clienti. Perché, anche se la rivoluzione è appena partita e le nuove ricette ancora sono poche, il genovese preferisce il farmaco “griffato” a quello generico, ma più economico.
«La maggior parte dei nostri clienti - spiega dal bancone Antonino Romano, titolare della farmacia Venti Settembre - preferisce ancora comprare il farmaco di marca. Non si fidano di quelli generici. Molti sono convinti che la qualità dei primi sia migliore, rispetto agli altri. Oppure ci dicono che hanno provato il generico e si sono trovati male». Di prescrizioni con il modello nuovo il dottor Romano ieri ne ha vista una sola. Il motivo è presto spiegato. La normativa viene applicata solo alle nuove terapie. Per quelle vecchie, invece, il medico può indicare ancora il farmaco specifico.
«Quando sono stati introdotti - racconta Ersilia Greco, titolare della farmacia Brignole in via Groppallo - c’era molta curiosità e stupore tra i nostri pazienti. Poi passata questa prima fase, è subentrata la diffidenza. In molti preferiscono pagare qualche euro in più, ma non vogliono abbandonare il farmaco “griffato”. Anzi, da quando si è parlato di questa nuova legge, in molti ci hanno chiesto se sarebbe stato obbligatorio prendere il generico, perché vogliono continuare a prendere quel prodotto specifico».
La nuova norma, approvata nel contesto della spending review, prevede un obbligo per il medico che prescrive la ricetta: indicare solo il principio attivo. Il farmacista dovrà consegnare il farmaco generico, ma il paziente, invece, potrà comprare ovviamente quello che vuole. Pagando la differenza. Il ministero della Salute, però, ha specificato che in particolare casi, valutati singolarmente dal sanitario, potranno essere indicati nella prescrizione prodotti griffati, salvo giustificare quella scelta con una nota scritta.
http://www.ilsecoloxix.it

Nessun commento:

Posta un commento

Tutti i commenti saranno verificati affinche' non contengano parole lesive alla dignita' di altri. I commenti non saranno censurati mai.
ATTENZIONE:
NON INSERITE LINK VERSO SITI PORNOGRAFICI, NON SARANNO PUBBLICATI.
NEVER INSERT LINK TO PORN SITES WILL NOT BE PUBLISHED.